ASI TV | Clima spaziale: l’effetto antropico
https://www.asitv.it/media/vod/v/3872/video/clima-spaziale-l-effetto-antropico


L’attività umana modifica in continuazione la superficie del nostro pianeta, ma la nostra impronta sulla Terra può andare ben oltre questo: l’uomo può influenzare anche lo spazio. È quanto afferma un nuovo studio dell’Università del Michigan, che a partire da un esempio storico mostra come l’uomo possa effettivamente influenzare la meteorologia cosmica. Già sappiamo che l’attività del Sole provoca cambiamenti al campo magnetico terrestre, e questo può danneggiare i satelliti e le telecomunicazioni. Ora gli scienziati hanno scoperto che i test nucleari ad alta quota realizzati da Stati Uniti e Unione Sovietica durante la guerra fredda hanno avuto effetti simili, mostrando così il possibile impatto dell’uomo sul meteo spaziale. I dati mostrano che le esplosioni nucleari negli anni ’50 e ‘60 hanno causato una serie di turbolenze geomagnetiche, che hanno distorto le linee del campo magnetico terrestre e in alcuni casi danneggiato le comunicazioni satellitari. Utilizzare la storia della guerra fredda per comprendere la fisica del complesso ambiente spaziale che ci circonda potrebbe quindi aiutarci in futuro a proteggere meglio i satelliti e gli astronauti nello spazio.


ASI Agenzia Spaziale Italiana, 2015